• ASTRASERVIZI
  • ASTRASERVIZI
  • ASTRASERVIZI
  • ASTRASERVIZI
 

News

07-09-2020 - Immigrazione clandestina e sicurezza degli autotrasportatori: basta rimandare
Nonostante l’argomento dell’immigrazione clandestina occupi con un andamento più o meno regolare le prime pagine delle maggiori testate giornalistiche riportanti i consueti spot politici di partito, i problemi reali che da essa derivano spesso restano fuori dal dibattito perché poco mediatici.


E’ il caso della sicurezza degli autotrasportatori che, oramai da qualche anno, si trovano a dover fronteggiare situazioni surreali e altamente rischiose causate da soggetti entrati in maniera illegale sul territorio italiano e che, alla ricerca di maggiore fortuna, cercano di attraversare i confini salendo di nascosto all’interno dei mezzi pesanti in spregio a qualsivoglia criterio di sicurezza stradale e non solo.

“Nonostante da tempo denunciamo queste situazioni di grave pericolosità createsi in tutta Italia e in rete continuino a girare video di situazione surreali dove si vedono persone saltare da un veicolo in corsa da oltre 4 metri di altezza su una autostrada – ha dichiarato il presidente Pasero - ad oggi non abbiamo ricevuto alcuna risposta ai nostri appelli”.

La gravità della situazione degli scorsi anni è andata peggiorando ulteriormente alla luce dell’emergenza sanitaria in corso, dove i conducenti dei mezzi pesanti si trovano ora ad avere contatti più o meno ravvicinati con soggetti sconosciuti privi di qualsivoglia controllo sanitario.

“La rilevanza del problema – conclude Pasero - è sotto gli occhi di tutti: come se non bastassero le numerose aggressioni agli autisti nelle aree di sosta, oggi un conducente ha ancora più paura a fermarsi in un’area di sosta perché rischia che durante la pausa qualcuno salga di nascosto sul veicolo e al momento della ripartenza magari ci scappi pure il morto o venga indagato dalla polizia di frontiera degli altri Paesi per reati legati all’immigrazione clandestina”.

Il Presidente Pasero ha scritto alle Ministre La Morgese e De Micheli al fine di capire come intende muoversi il governo: è infatti palese la necessità che vengano presi provvedimenti mirati e coordinati per risolvere questa insostenibile situazione che i conducenti di mezzi pesanti si trovano a dover affrontare da soli e senza alcun strumento e sostegno dello Stato.

Articolo su Link esterno