• ASTRASERVIZI
  • ASTRASERVIZI
  • ASTRASERVIZI
  • ASTRASERVIZI
 

News

09-08-2019 - Da ottobre i semirimorchi viaggeranno sull’alta velocità
L’annuncio è stato fatto dalla società Interporto Servizi Cargo, la quale ha dichiarato che a partire da questo autunno saranno attivati i primi collegamenti per semirimorchi P400 sulla linea ad alta velocità fra Pomezia e Verona, Novara e Melzo.


Nel 2019 si assisterà per la prima volta alla circolazione dei semirimorchi sulla linea ad alta velocità e alta capacità, inizialmente solo sulla tratta Verona Quadrante Europa e Pomezia.

Già dal mese successivo però, il servizio verrà esteso anche alla tratta tra Novara e Pomezia e, ancora, dal 7 gennaio 2020 alla tratta tra Melzo (Milano) e Pomezia.

Rispetto al passato, i convogli viaggeranno in orario notturno sulle linee della rete alta velocità/alta capacità ad una velocità di 120 km/h, in modo da consentire anche la circolazione anche di carri con sagoma P400 per il trasportodi semirimorchi o container high cube.

Il Direttore operativo di Interporto Servizi Cargo, Francesco Pagni, ha dichiarato che "Questo tipo di trasporto è oggi praticamente impossibile in Italia, Rete Ferroviaria Italiana sta facendo grandi sforzi per adeguare gran parte della rete fondamentale agli standard cosiddetti europei, ma noi di ISC saremo i primi a lanciarci in questo mercato che pure, secondo studi, ha dimensioni notevolissime: l'Università Federico II di Napoli stima che sull'asse Milano-Roma circolano 700 veicoli industriali al giorno a direzione e altrettanti tra Verona e Roma".

Lo stesso ha anche aggiunto che "I nostri obiettivi sono di triplicare le prestazioni produttive e aumentare in proporzione anche l'occupazione del personale di macchina o tecnico. A questo proposito, è giusto ricordare che siamo la prima impresa ferroviaria a formare i propri macchinisti che dovranno guidare le nuove locomotive politensione noleggiate appositamente per viaggiare sulle linee alta velocità/alta capacità. Si tratta, in ogni caso, del progetto più innovativo che riguarda il sistema ferroviario del nostro Paese, un progetto che ha valore in termini ambientali, sociali, occupazionali, e anche di opportunità per lo sviluppo di una filiera logistica moderna e multimodale".

In conclusione, lo stesso Pagni ha evidenziato che "Per il servizio AV/AC, abbiamo già noleggiato dieci nuove locomotive, acquisito 105 nuovi carri adatti al trasporto dei semirimorchi, richiesto le tracce per far circolare convogli capaci di trasportare trenta semirimorchi sei volte la settimana tra Verona, Novara, Melzo e Pomezia. L'obiettivo è di arrivare a togliere 50mila semirimorchi l'anno dalle strade, un obiettivo ambizioso ma che, se coronato da successo, determinerà una vera svolta nel sistema dei trasporti del nostro Paese”.