• ASTRASERVIZI
  • ASTRASERVIZI
  • ASTRASERVIZI
  • ASTRASERVIZI
 

News

27-02-2019 - Colazione al piombo per 50 sindaci nel traffico della Cherasco-Verduno
Ieri la prima fase della mobilitazione per ottenere al più presto la ripresa dei lavori di completamento della Cuneo-Asti


Il volume del microfono è troppo basso, quello dei camion che transitano a passo d’uomo ogni secondo è troppo alto.
Sei chilometri

Dunque, la scelta è azzeccata: bastano pochi minuti di sosta nello spiazzo che precede la discesa del Bergoglio, a Roreto, per far capire a chiunque quanto l’assenza di sei chilometri di autostrada tra Cherasco e Verduno siano devastanti per l’ambiente, la qualità della vita e l’economia di un’intera provincia. «Lo capirebbe anche Toninelli» si lascia sfuggire ironicamente qualcuno.

E’ qui, infatti, che ieri mattina è iniziata la «fase 2» della protesta di sindaci e amministratori per convincere il ministro delle Infrastrutture e Trasporti a completare l’opera senza altri tentennamenti. Una «fase 2» a dire il vero ancora molto compassata, distante da ciò che sta accadendo tra i pastori sardi in piena agitazione.
Con la fascia tricolore

Qui una cinquantina di sindaci con la fascia tricolore a tracolla e i cartelli «Sì Asti Cuneo» in mano si sono ritrovati con i rappresentanti del mondo produttivo e delle varie categorie per quella che il sindaco di Cuneo e presidente della Provincia, Federico Borgna, ha definito «una colazione al piombo». «In questa vicenda sempre più assurda - ha spiegato Borgna - ci sono solo vittime e nessun carnefice. Vittime sono i cittadini costretti a vivere tra l’inquinamento e la pericolosità di strade troppo affollate, vittime sono gli autotrasportatori obbligati a fare lunghi percorsi alternativi per raggiungere i nodi autostradali che ci collegano al resto d’Italia. E vittime sono gli imprenditori e gli operatori del commercio cuneesi che, senza autostrada, perdono oltre 100 milioni di euro l’anno. Per questo non si può più indugiare: il nostro territorio chiede risposte e azioni concrete».

Per il sindaco di Bra, Bruna Sibille, «siamo di fronte a una situazione ormai diventata allucinante. Questa manifestazione non è che l’inizio di un pressing che porteremo avanti con grande determinazione, finché non sarà avviato il cantiere per il completamento dell’autostrada». Sarà sufficiente questo pressing?

L'articolo è consultabile sul sito https://www.lastampa.it/2019/02/27/cuneo/colazione-al-piombo-per-sindaci-nel-traffico-della-cherascoverduno-xsqG0fqY0fB6DnWXog9pRN/premium.html?fbclid=IwAR2nupP8P8HDL4S_F9DLD_pKiAJTy3z9T8q8UMmfaVDRehDdAeX7lz_rBXk