• ASTRASERVIZI
  • ASTRASERVIZI
  • ASTRASERVIZI
  • ASTRASERVIZI
 

News

31-05-2018 - Blocco ai tir in valle Roya, entro 15 giorni la decisione sulla richiesta di sospensione
Si è tenuta a Marsiglia l'udienza d'appello, presenti Astra, Fai e Confartigianato Cuneo: il giudice si pronuncerà entro due settimane



Si è tenuta oggi, lunedì 28 maggio, presso la Corte Amministrativa di Marsiglia, l'udienza d'appello relativa alla richiesta di sospensione del provvedimento di chiusura ai mezzi di portata superiore alle 19 tonnellate emanato dai sindaci della valle Roya, che ha di fatto reso “off limits” la Route Dipartimentale 6204 per i mezzi pesanti: un'ordinanza che ha scatenato negli ultimi mesi un fiume di polemiche, e che ha messo in difficoltà molte imprese cuneesi e liguri che hanno nella valle Roya il percorso più rapido (ed economico) per raggiungere la Francia.

Presenti a Marsiglia i ricorrenti, l'associazione cuneese degli autotrasportatori Astra, Fai Cuneo e Confartigianato Cuneo, che hanno ribadito ancora una volta, durante l'udienza, la contrarietà ad un provvedimento ritenuto “illogico”, in ragione dell'assenza di un valido percorso alternativo da utilizzare al posto della Rd 6204. L'obiettivo della delegazione cuneese è quello di ottenere deroghe per le imprese che hanno sede nelle immediate vicinanze dell'enclave della valle Roya, vale a dire in primis quelle della provincia Granda e quelle imperiesi.

Il giudice avrà ora 15 giorni per giungere ad una decisione circa la sospensione del provvedimento. Da valutare anche la proponibilità dell'atto da parte degli enti italiani: in prima udienza, a Nizza (la richiesta fu respinta), Astra, Fai e Confartigianato Cuneo erano ricorrenti secondari, e il dubbio verte giuridicamente proprio su questo punto. E' da valutare, insomma, la possibilità per un ricorrente secondario di ricorrere in appello: solitamente questa eventualità è ammessa, ma in caso di richieste di sospensione (come questa) questo potrebbe non essere automatico. Entro 15 giorni, comunque, la richiesta riceverà una risposta da parte del giudice transalpino.

FONTE CUNEODICE.IT