• ASTRASERVIZI
  • ASTRASERVIZI
  • ASTRASERVIZI
  • ASTRASERVIZI
 

News

12-10-2017 - Val Roya, multe di 140 euro ai camion
Nei cinque paesi da Tenda a Breil e rientro immediato dei mezzi pesanti
Dall’alba di oggi all’ingresso e uscita di Tenda, La Brigue, Saorge, Fontan e Breil saranno installati i cartelli di divieto, rendendo effettiva l’ordinanza del 1° settembre. Più di 40 giorni di inviti al dialogo e richieste di confronti sono serviti a nulla.
Nessun ripensamento o marcia indietro. La valle Roya è compatta nel dire basta al transito di Tir sopra le 19 tonnellate di peso, tanto da arrivare a uno scontro istituzionale con la Prefettura di Nizza.


LORENZO BORATTO
CUNEO

Il codice della strada francese prevede sanzioni fino a 75 euro, senza sequestri o blocco dei mezzi. La polizia municipale farà multe, mentre la gendarmerie potrebbe ignorare il divieto. Ieri i cinque sindaci si sono incontrati per stabilire le sanzioni: «Saranno superiori a 100 euro con obbligo di rientro immediato dei camion. I cartelli saranno installati entro le 12».

RICORSO AL TRIBUNALE
La viceprefetto di Nizza Gwenaëlle Chapuis, martedì pomeriggio in un incontro a Cuneo, aveva ribadito: «Per noi l’ordinanza di divieto è illegale. Chiederemo alla gendarmerie di non applicarla». Entro fine mese la Prefettura nizzarda presenterà ricorso al tribunale amministrativo francese.

MEDIAZIONE E DEROGHE
L’assessore regionale ai Trasporti Francesco Balocco, nell’incontro a Cuneo, si è detto «dispiaciuto» per la presa di posizione unilaterale dei primi cittadini francesi, arrivata senza un confronto con Piemonte e Liguria; aveva proposto una «mediazione» con deroghe ai mezzi a sevizio delle province di Cuneo e Imperia: se ne discuterà il 24 novembre nella conferenza intergovernativa italo-francese.

ASSOCIAZIONI DI CATEGORIA
Confartigianato e Confindustria di Cuneo e Imperia, insieme ad Astra Cuneo (Associazione trasportatori) e Fai (Federazione autotrasportatori italiani) stanno lavorando a un documento da presentare alle istituzioni dei due Paesi.

IL CONFRONTO DEI PERCORSI
Ribadendo quanto Confartigianato Trasporti aveva lamentato a luglio su «La Stampa». Per un Tir con motrice su tre assi, andare da Cuneo a Ventimiglia su tre diversi percorsi ha costi diversissimi: passando per la valle Roya (214 chilometri fra andata e ritorno) si spendono 90 euro (soltanto per il carburante); dal colle di Nava (tratto di autostrada Mondovì-Ceva e Imperia-Ventimiglia) sono necessari 150 km in più e una spesa ulteriore di 100 euro, mentre per tutto il percorso in autostrada (416 km) si spengono 177 euro in più. Tra val Roya e autostrada la differenza è il doppio del tempo e il triplo del costo.
Le aziende cuneesi lamentano che passare per A33, To-Sv e autostrada dei Fiori significa per le merci cuneesi non essere più competitive in Costa Azzurra.

FONTE LA STAMPA CUNEO